Loading...

Voucher per la Digitalizzazione delle PMI: cosa è e come poter spenderlo

Home / News / Voucher per la Digitalizzazione delle PMI: cosa è e come poter spenderlo

Il 2018 ha portato in dote un’interessante iniziativa di agevolazione rivolta a micro, piccole e medie imprese, che prevede un contributo (voucher) di importo non superiore a 10 mila euro, da utilizzarsi per la realizzazione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico.

Ma quali sono le caratteristiche del Voucher Digitalizzazione PMI? E, soprattutto, come si può spendere questa agevolazione?

voucher digitalizzazione pmi

Come funziona il Voucher per la Digitalizzazione delle PMI

Il voucher per la digitalizzazione delle PMI 2018, richiedibile fino allo scorso 12 febbraio 2018 (siamo attualmente in attesa di comprendere se la misura sarà ulteriormente rinnovata), è un contributo concesso dal Ministero dello sviluppo economico (MISE), nella misura massima di 10 mila euro, utile per poter coprire fino al 50% delle spese ritenute ammissibili, e inerenti l’adozione di una serie di interventi che favoriscono la digitalizzazione dei processi aziendali, e il loro ammodernamento tecnologico.

La richiesta del Voucher era effettuabile mediante apposita piattaforma interna al sito MISE, mediante la quale l’impresa poteva gestire interamente l’iter di domanda, e monitorare la successiva concessione.

Come utilizzare il Voucher Digitalizzazione PMI

Come indicato sul sito MISE, il Voucher Digitalizzazione pmi è in grado di finanziare, nei limiti del 50% e delcapstabilito in termini assoluti in 10.000 euro, le operazioni di acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che permettano di:

  • migliorare l’efficienza aziendale;
  • modernizzare l’organizzazione del lavoro, mediante l’utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;
  • sviluppare soluzioni di e-commerce;
  • fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;
  • realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.

Ne deriva la possibilità di supportare attivamente una lunga serie di interventi di miglioramento delle capacità di presenza digitale delle imprese, cercando magari di colmare i gap che separano le prestazioni delle pmi tricolori da quelle delle controparti europee. Ma dove spendere questa agevolazione?

Dove utilizzare il Voucher Digitalizzazione PMI

Considerata l’ampiezza delle possibili spese agevolabili con il Voucher Digitalizzazione pmi 2018, non possiamo che soffermarci brevemente sulla varietà di interventi che riuscirete a sostenere mediante il concreto aiuto ministeriale.

Per esempio, potreste utilizzare questa concessione per realizzare/sviluppare un sito web, creando in maniera professionale una vetrina virtuale, un biglietto da visita online che presenterà i vostri prodotti / servizi in modo efficace e pienamente ottimizzante. La realizzazione del sito web potrà poi essere integrata positivamente con lo sviluppo e la gestione dei profili social aziendali, consentendo così a ogni attività professionale e imprenditoriale di potersi interfacciare efficacemente con la propria utenza attuale e potenziale mediante un canale dalle grandi potenzialità.

Tra gli altri servizi che possono essere sostenuti mediante le attività di una agency verso la quale impiegare il proprio Voucher ricordiamo anche la realizzazione di contenuti specifici per migliorare la propria presenza online, e l’analisi / audit SEOfinalizzata al miglioramento del posizionamento organico dei propri siti web. Ulteriormente, sarà possibile supportare la realizzazione e la conduzione di campagne pubblicitarie di tipo testuale e di tipo PPC (Adwords e Facebook ADS), moltiplicando in tal modo la possibilità di raggiungere nuova clientela, e favorire la conversione dei contatti in opportunità di vendita.

Valutato quanto sopra, non possiamo dunque che invitarvi a contattarci se siete interessati a spendere proficuamente il Voucher Digitalizzazione pmi 2018  per il sostegno delle proprie attività di marketing online: troveremo insieme a voi il miglior modo per poter sviluppare la vostra presenza digitale, e per cercare di guidarvi verso il conseguimento di risultati commerciali di sicura soddisfazione.

Voucher Digitalizzazione PMI: riapertura dei termini

Al momento non abbiamo ancora alcuna notizia circa una riapertura dei termini per la richiesta dei Voucher e, pertanto, non ci resta che attendere novità dal Ministero dello sviluppo economico, responsabile delle attività di concessione del benefit di cui oggi abbiamo voluto parlare con voi.

Il nostro auspicio è naturalmente che vi sia presto la possibilità di disporre di un nuovo budget stanziato per questa finalità, e che magari si possano superare alcuni degli ostacoli che ne hanno limitato l’ampiezza concessoria, come la sostanziale chiusura al mondo dei professionisti.

Di fatti, ricordiamo in questa sede conclusiva come tra i requisiti per la partecipazione vi fosse anche l’obbligo di iscrizione presso il Registro delle imprese tenuto dalla Camera di Commercio: un requisito che, di fatto, tende ad escludere i liberi professionisti. I quali, ben inteso, hanno prontamente messo in discussione tale visione ministeriale, ottenendo da Comitato unitario professioni (Cup) e Rete professioni tecniche (Rpt) un parere secondo cui “sin dall’entrata in vigore della legge di Stabilità 2016, il legislatore italiano ha inteso affermare la piena equiparazione tra Pmi e liberi professionisti ai fini dell’accesso ai piani operativi”, e che pertanto sulla base di ciò si può intendere che “tutti gli interventi di sostegno alle Pmi previsti dai piani operativi Pon e Por debbano ritenersi estesi ipso iure anche ai liberi professionisti”.

Di qui, la reiterazione della richiesta di annullamento in autotutela del decreto, con la possibilità che sia dunque presto aperto un nuovo scenario.

VUOI DIGITALIZZARE LA TUA IMPRESA?